Seleziona una pagina

Recensione Creative Iroar Go

Cristian Sicignano, Articolista

30 giugno 2017

  • 54 x 192 x 97mm; 810g
  • Inputs: 3.5mm, Micro-USB, microSD, Bluetooth 4.2 (NFC)
  • 12-hour battery life, 15V mains charger
  • Water-resistant design

Il design dell’altoparlante Bluetooth è in continua evoluzione nel tempo, con diversi modelli portatili sorprendenti disponibili da quelli di Ultimate Ears e B & O BeoPlay, per citarne solo un paio di protagonisti importanti. Rispetto a questi, Creative iRoar Go ha un design più funzionale e non alla moda. È inoffensivo, ma potrebbe sembrare un po ‘più carino in alcuni luoghi.

Prendete, ad esempio, i lembi che coprono i vari ingressi in cima al dispositivo o la vasta gamma di pulsanti di salto volume / traccia. Sono necessari perché con l’inserimento di una scheda microSD è possibile riprodurre musica in remoto, ma preferiamo anche controllare le cose tramite il nostro telefono o il computer portatile e mantenere il design più complesso.

Quello che iRoar Go ha a suo favore è che è più piccolo rispetto ai modelli Roar precedenti. Non è minuscolo al punto che sembrerà sottile, però, pur rimane portatile abbastanza per portarlo in giro per quei picnic all’aperto, barbecue e così via. Disponibile solo in nero, l’iRoar Go dispone di due bordi d’argento per rendere lo standout di design, che circonda i due radiatori passivi ad entrambe le estremità. Può essere posizionato in posizione verticale o posizionata, a seconda della tua preferenza, ma non proietta il suono a 360 gradi come alcuni concorrenti.

Qualità sonora

  • 5-driver output; due radiatori passivi,
  • bi-amplificati: un’amplificatore stereo, uno woofer
  • SuperWide audio per suoni potenti
  • Roar preimpostato 

Questi radiatori passivi sono ottimi anche per emettere bassi, che iRoar Go può gestire molto bene. Girandolo  guarderai i radiatori degli altoparlanti creative che stanno lateralmente. Il basso è gestito da un amplificatore separato dagli altri driver, per mantenerlo pulito e centrale. Il midrange e il high-end sono gestiti separatamente, che possono influenzare l’equilibrio del suono a seconda di quello che stai ascoltando.

A volte iRoar Go suona come se ci fosse qualcosa di più intrappolato dentro, c’è un pulsante di preimpostazione dell’equalizzatore “Roar” in cima al prodotto che, una volta premuto e illuminato. Farà il basso più pesante e renderà tutto suono quasi come se fosse spinto attraverso un compressore. Può funzionare veramente bene per alcune tracce di brani dance, ma in quanto è acceso / spento (o nella modalità di equalizzazione meno bassi) manca la gamma più completa di personalizzazione che ci piacerebbe tanto

Per quanto riguarda il volume, tuttavia, non ci sono preoccupazioni circa quanto forte l’iRoar Go può, ehm, andare. È super forte, ma manovre quel volume troppo alto e l’equilibrio tra il basso, la metà e l’alto si sente leggermente scoraggiante, come l’altoparlante sta cercando di fare un po ‘ più della sua portata.

Nel complesso, Creative iRoar Go è un altoparlante portatile Bluetooth compatto, rumoroso e decente. C’è molta connettività e un segnale forte per la connessione Bluetooth, ma il design funzionale non riesce a catturare l’attenzione come alcuni dei suoi concorrenti.

I prezzi di Creative iRoar Go sono di $ 199.99, che è sul lato più costoso di un altoparlante Bluetooth. Detto questo, è un prodotto molto unico con una proposta di valore che nessun altro altoparlante Bluetooth sul mercato può corrispondere. Se avete l’altoparlante più resistente e resistente alle intemperie, il Creative iRoar Go è una scelta eccellente, però, tenete presente che Roar 2 di Creative non è molto più grande, non tanto pesante, ha una migliore qualità del suono e Costa meno.