Seleziona una pagina

Recensione Creative Muvo 2C

Cristian Sicignano, Articolista

21 luglio 2017

Recentemente abbiamo recensito il Creative iRoar go, uno dei più costosi e caratteristici altoparlanti che l’azienda ha mai fatto. Ci è piaciuto tanto, e abbiamo pensato di dare un’occhiata a uno dei loro prodotti a livello di entrata per vedere se questo livello di qualità si estende fino ai punti di prezzo più bassi.

Il Muvo 2c è un piccolo altoparlante con supporto microSD ed è impermeabile, ma è tutto buono?

Creative non ha di certo reinventato la ruota con il Muvo 2c. Non c’è niente di diverso. È piccola e quadrata. Non è affatto pesante, con peso di soli 165 grammi. Abbiamo avuto la possibilità di guardare il modello azzurro, ma potete anche prenderlo in nero, blu o verde se si ha una preferenza. Il singolo sub interno è protetto da una griglia che occupa tutta la parte anteriore dell’altoparlante e, in alto, troverai cinque pulsanti per aiutarti a controllare la riproduzione senza arrivare al dispositivo sorgente.

Detto questo, il 2c non è del tutto generico. Sul retro troverai un sub basso passivo che non è completamente brandnew, ma non è troppo comune nei sub- altoparlanti. Un’altra caratteristica utile è la classificazione IP66 che significa che può sopravvivere sostanzialmente a qualunque quantità di acqua . Una piccola linguetta in gomma sul lato destro mantiene l’ingresso micro-USB, l’ingresso da 3,5 mm e lo slot per schede microSD. Il Muvo 2c potrebbe essere piccolo, ma è un po ‘troppo ingombrante per riempire in tasca. Detto questo, sarà facilmente inserito in uno zaino. Tuttavia, se vuoi portarla da qualche parte, puoi sempre collegare un anello nella parte superiore sinistra dell’altoparlante.

Il Muvo 2c non è una potenza, ma il radiatore basso passivo sul retro fa una buona spinta. È ancora difficile considerare un vero basso, ma per le dimensioni non è male. Nelle canzoni che avevano un basso davvero profondo come “Tremors” di SOHN c’erano poche piccole distorsioni all’inizio, ma questa era l’eccezione più che la regola. Nel complesso, l’estremità bassa è stata buona come si può aspettare da un altoparlante di questa dimensione.

I vocali hanno una leggera precedenza sugli altri strumenti, ma non c’è molta spaziatura. La melodia di pianoforte principale in “Inno al weekend” di Coldplay suona come se fosse punteggiata dai colpi di soldati e sembra un po ‘disordinato quando tutti gli elementi si uniscono durante il coro.

Gli alti sono stati trattati bene e mai  tagliati . C’è una buona quantità. Solo una solida performance in generale.

Creative ci ha spazzato via con i loro altoparlanti iRoar e SoundBlaster, ma il Muvo 2c non mi ha fatto dire WOW. È un altoparlante solido che suona proprio come alcuni dei suoi concorrenti in questo punto prezzi come  Se hai assolutamente bisogno di microSD questo altoparlante è il migliore.